È con rammarico che riportiamo la notizia di un leggero intoppo nel pompa tour di Paola Saulino, l’attrice campana, che aveva promesso una fellatio e tutti gli uomini che avessero dimostrato di avere votato no al referendum renziano. Con un guizzo di grande marketing politico, la Saulino ha sicuramente spostato l’ago della bilancia del voto, si è poi però ritrovata con migliaia di elettori che giustamente pretendevano di riscuotere. Nessun problema per la bella Paola, che ha iniziato il suo tour attraverso l’Italia, scaramellando uccelli come se non ci fosse un domani.

Ora però, arrivata a 400 partecipanti ha rilevato un indolenzimento della mandibola, d’altronde, ogni atleta che si rispetti ha le sue piccole magagne, chi ha il gomito del tennista, chi il ginocchio da calciatore chi la mascella da bocchinaro. “L’idea mia è di avere un arco temporale che non andrà oltre il dicembre 2018 (in tutto dunque due anni), tenendo conto dei miei impegni e del fatto che non risiedo permanentemente in Italia.” Scrive la sbarazzina ragazza. E in effetti due anni è un arco di tempo abbastanza pesantino, pensando che lo passi sparando pompini in continuazione. Inter vistata dal Daily Star, la Saulino ha spiegato che le piacerebbe arrivare a un milione, ed è qui che ha confessato i dolori alla mascella.

Secondo noi però non si è fatta bene i conti. Calcolando una vita media di 80 anni e ammettendo che la Saulino, oggi 27enne, lavori anche i festivi, le toccano 52,6 pompini al giorno per arrivare al milione. Una performance che farebbe tremare anche un atleta come Federer, figuriamoci una dilettante.

(Visited 19 times, 1 visits today)