Nonostante i riserbi del caso, il nome è purtroppo filtrato tra le maglie della magistratura. È stato infatti fermato Tarcisio Scascighini di Mergoscia su segnalazione dei suoi colleghi di consiglio comunale. La lega della Verzasca indignata, e ha subito approfittato del Mattinonline per esternare tutto il suo disagio, ecco il comunicato, pervenuto a tutti gli organi di stampa: Scascighini Tarcisio, membro del CC di Mergoscia, è stato espulso dalla lega dei ticinesi. I suoi valori non sono più compatibile con quelli del movimento. Scascighini infatti, nonostante numerosi richiami all’ordine, si ostinava a parlare di onestà, rettitudine e valori morali, creando non poche difficoltà ai colleghi di CC e seminando lo sconcerto presso i simpatizzanti. In un occasione, lo Scascighini addirittura, restituiva un resto sbagliato alla Cooperativa di Vorgorno e redarguito da un militante rispondeva candidamente: “beh, era sbagliato, non trovo giusto che poi magar i se la prendano con la commessa”. Per questi motivi, all’unanimità, la lega della bassa Verzasca interrompe immediatamente ogni contatto con lo Scascighini e lo denuncia alla magistratura. La lega, nelle ultime settimane, è stata travolta da una serie di disavventure riguardanti suoi candidati. Arresti, truffe, persone in odore di nazismo, hanno tenuto banco su tutti i media. È pur vero che l’atteggiamento di Scascighini cancella tutti i problemi precedenti, portando alla luce una questione che si fa pesante, Quadri infatti ammette: “in effetti ultimamente $iamo $empre più konfrontati con questi problemi di one$tà, che minano il partito e non fanno certo un favore ai ticine$i, ke poi magari kominciano a pen$are che $i può andare avanti anke $enza berciare tutte le domenike, truffare e simpatizzare con movimenti di e$trema de$tra, no, co$ì non va. Ho già $entito i mini$tri, Bori$ e l’Attilio, ci troveremo a breve pre$$o l’o$teria della pancetta littoria. Abbiamo anke invitato i kapigruppo degli altri partiti perké riteniamo la cosa molto $eria, kapito o dobbiamo farvi un di$egnino?” Anche Attilio Bignasca, intervistato ha rilasciato una breve dichiarazione prima di addormentarsi sereno mente una badante ceca gli puliva la bavetta: “ Ehhh…beh…bof..scerto che si…bof bof, essereeeee…onesti eh so poi io..o bof..”

(Visited 18 times, 1 visits today)